Il Progetto di Riparto 2015

I Liquidatori hanno annunciato il 2 aprile 2015 l' intenzione di effettuare un Riparto parziale delle somme disponibili. Si veda in proposito la lettera ai Sindacati del 2 aprile 2015 ed il successivo comunicato 3 aprile 2015.
Questa ipotesi di Riparto era rivolta a beneficio dei soli pensionati ante '98, e questo ha suscitato varie opposizioni.

Da un lato alcuni Sindacati hanno manifestato la loro opposizione, facendo presente la pendenza di una causa davanti alla Corte d' Appello di Milano, peraltro con udienza fissata fra molto tempo, ovvero al 21 dicembre 2016. La causa era stata persa in primo grado da questi sindacati e dall' Anpec. La sentenza può essere letta per esteso cliccando qui.

Vi è stata un'altra opposizione, molto più concreta e argomentata, del maggior Sindacato dei Bancari, la FABI, con il Comunicato ufficiale del 12 giugno 2015, scaricabile qui.

La Fabi afferma questo:
i Liquidatori dovrebbero velocemente chiudere le cause di opposizione, conseguentemente liberare gli 80 milioni di euro accantonati allo scopo e che potrebbero rimanere accantonati per altri 5/6 anni.
Riteniamo che essendo il bacino degli opponenti al piano di riparto ormai certo, anche nella dimensione economica, e che i tempi potrebbero ancora essere molto lunghi, i Liquidatori ed il Tribunale di Milano debbano favorire una soluzione della vicenda in tempi brevi, una proposta transattiva equa che consenta un pagamento in tempi rapidi per tutti. Al contrario si dovrà aspettare per anni il giudizio della Cassazione.


Inoltre "incombe sul piano di riparto parziale anche il necessario accantonamento delle somme controverse con il Fisco (circa 180 mil. di euro) e quello per le 1400 ca. opposizioni al piano presentate entro il termine (circa 80 mil. di euro), riducendo così a circa 100 mil.di euro, il 30% della somma complessiva effettivamente erogabile, tra l’altro anticipabile solo ai pensionati ante '98 per volere dei liquidatori".

Quersto è vero.
Senza le transazione non vi sarebbero somme ripartibili per gli attivi.
Lo dimostra il grafico scaricabile qui

E' quindi necessario che tutti si adoperino per una soluzione transattiva, rapida e nell' interesse di tutti.
L' alternativa è continuare a litigare, mentre i soldi rimangono bloccati per tutti.

Il nostro Collegio Difensivo è attivamente impegnato per questa soluzione transattiva.